21-25/10/2020

5 GIORNI

Puglia intensa: la Val d'Itria

Puglia

Italy

680€
a persona

Sistemazione in camera doppia

Programma di 5 giorni:

I giorno: arrivo alla masseria presso Ostuni nel primo pomeriggio e check in. Snack di benvenuto, visita aziendale e degustazione di 3 olii. Cena in masseria e pernottamento.

II giorno: colazione, visita guidata di Martina Franca, pranzo libero e visita al Conservatorio della biodiversità "Giardini di Pomona" a Cisternino. Nel tardo pomeriggio passeggiata ad Alberobello e cena presso l’orto ristorante biologico “Terra Madre”.

III giorno: colazione e trasferimento a San Vito dei Normanni. Visita guidata alle terre conquistate alla mafia e gestite dalla cooperativa Ex-Farm, pranzo presso la cooperativa Ex-Fadda e presentazione del progetto sociale. Ritornando verso Ostuni passeggiata nel parco delle Dune Costiere. Rientro in masseria per cena e pernottamento. 

IV giorno: trasferimento ad Ostuni e visita guidata della città. Pranzo libero. Nel pomeriggio presso l'ingresso dei Giardini della Grata e visita agli orti medioevali della città. Il resto del pomeriggio sarà libero con rientro in masseria per cena e pernottamento.

V giorno: colazione e check out


Il pacchetto comprende:

  • 4 pernottamenti in camera doppia con colazione
  • visita guidata di Martina Franca (circa 2 ore)
  • visita guidata del Conservatorio della Biodiversità di Cisternino (circa 2 ore) incluso il biglietto di ingresso
  • cena presso il ristorante ad Alberobello "Madre Terra
  • visita guidata alla città di Ostuni e ai Giardini della Grata
  • 3 cene presso la masseria ad Ostuni (bibite incluse)
  • visita guidata alla Cooperativa Ex Fadda e X-Farm
  • pranzo presso il ristorante XFood  (bibite incluse)
  • visita aziendale e degustazione di 3 olii presso la Masseria 
  • accompagnamento
  • tutti i trasferimenti interni

Il pacchetto non comprende:

  • l'arrivo presso la masseria
  • i pranzi non espressamente indicati su "il pacchetto comprende"
  • eventuali mance
  • eventuali spese personali
  • se si arriva in aereo o in treno, il trasferimento dall'aeroporto alla Masseria o dalla stazione ferroviaria alla masseria

Trulli, masserie, orti e biodiversità. Un' ospitalità calorosa, una piacevole intimità e una quiete rigenerante. Questi sono gli elementi che caratterizzano questo viaggio, in una delle valli più incantevoli del nostro stivale.

Giardini di Pomona, un inno alla biodiversità di rara bellezza.
Paolo Belloni, il fondatore, nella prima parte della sua vita si limitò a fotografare le piante, ma finì per innamorarsene completamente e decidere di interamente alla conservazione della loro biodiversità. Dieci ettari destinati ad una delle collezioni di fichi più grandi d’ Europa e del bacino del Mediterraneo (oltre 600 varietà), oltre a tantissime fruttifere arboree, che stanno in armonica convivenza tra di loro. Uve da tavola, ciliegie, susine, albicocche, mandorle, gelsi, giuggiole, sorbe e corniole, cachi, kiwi, e molti altri frutti dalle forme e dimensioni più varie, per non parlare dei frutti minori e piccoli, moltissime erbe aromatiche in pieno campo: dal rosmarino alla menta, dal lemon grass alla liquirizia. Una commistione di aromi, colori, profumi che formano un piccolo mondo immerso nella tranquillità tutto da scoprire e vivere. Nell’ epicentro fertile dei Giardini si trova il cachi di Nagasaki, figlio di una piantina scampata alla bomba atomica esplosa sulla città giapponese il 9 agosto 1945 e ritrovata fra le macerie. Il labirinto di lavanda che lo circonda simboleggia il percorso tortuoso, ma anche carico di colore e di profumo, che porta alla pace.
Infine, l’importanza della permacoltura e l’ aridocoltura come tecniche di coltivazione in un clima in continuo mutamento, per una conservazione durevole della vita sul pianeta.
I “Giardini della Grata” rientrano nell’area degli Orti Medioevali di Ostuni che fin dal Medioevo si svilupparono a ridosso del centro storico della città. Il sito risale al periodo messapico (V-IV sec a.c) e le prime tracce documentate si hanno nel XII-XIII sec. La riqualificazione degli orti inizia nel 2011 ma solo nel 2014 il progetto prende forma grazie alla Cooperativa Bio Solequo che ripulendo la terra dalle sterpaglie, dai rifiuti abbandonati e dalle erbe infestanti dà inizio alla cura di una terra impoverita e degradata e la si trasforma in terra produttiva fertilizzandola con letame e con preparati biodinamici. Grazie alle tecniche biologiche e biodinamiche si attivano, così, le prime produzioni di vecchie varietà orticole che dal luglio 2014 ottengono la certificazione biologica ICEA (Ist. Di Certificazione Etica ed Ambientale). L’attenzione verso il recupero di antiche varietà, avviata fin dal primo impianto dei Giardini della Grata, ha portato all’istituzione di un vero e proprio Parco delle Biodiversità, con una serie di campi pilota per la sperimentazione di alcune antiche varietà orticole locali e regionali. Con il supporto del CNR e degli atenei pugliesi si sta verificando resa produttiva, costi di produzione e inserimento nel canale produttivo.
Dalla biodiversità in natura si passa all'agricoltura sociale con la Cooperativa XFarm, Terre di Puglia-Libera  che coinvolge 25 ragazzi e ragazze del territorio per costruire assieme percorsi di antimafia sociale legati all’ imprenditoria agricola. 
La cooperativa gestisce  l’azienda su un terreno di 50 ettari  confiscati alla criminalità tra vigneti ed uliveti.
La visita guidata a cura dei ragazzi di ExFadda al vecchio stabilimento enologico, sarà interessante soprattutto per comprendere  come da un edificio urbano in disuso sia possibile ricavare un contenitore pubblico di aggregazione sociale attento alla valorizzazione del mondo giovanile e della sua creatività. Un'esperienza davvero speciale sarà anche il pranzo in programma  al  XFood Ristorante Sociale, il primo ristorante in Puglia che si avvale di personale  con disabilità sia in cucina che in sala.  Tutto, dai mobili all’ illuminazione, è pensato alla valorizzazione della diversità unita alla ricerca dei segni del territorio: non c’è una sedia, un tavolo, un piatto uguale a un altro. Tutti gli arredi sono il risultato di laboratori di restauro, falegnameria e sartoria realizzati da maestranze locali con la partecipazione dei ragazzi del progetto e dei cittadini. 

Infine, le visite guidate alla bellissima città barocca di Martina Franca, ai famosi di trulli di Alberobello e alla bianca Ostuni saranno il contorno ideale di  questi cinque giorni intensi alla scoperta di una Puglia autentica e per nulla scontata

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Aeroporto più vicino: Brindisi
Stazione ferroviaria più vicina: Ostuni

Per info e prenotazioni:
Mail: katia@viandantisi.it
Cell: 339 3685886



Termine d'iscrizione:
12 Ottobre 2020

ULTERIORI INFORMAZIONI: MODULO PRENOTAZIONE INFORMATIVA COVID CONTATTACI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il sottoscritto Interessato, letta l’informativa ed acquisite le informazioni fornite dal Titolare del trattamento: procedendo con l'iscrizione, richiede ad essere aggiornato su tutte le iniziative promozionali e commerciali, attraverso l’invio di materiale pubblicitario e/o promozionale tramite email.